ELLE DECOR GRAND HOTEL

Hôtel Particulier di Piero Lissoni | Stanzas di Patricia Urquiola
Photography by Matteo Imbriani

 

“ELLE DECOR GRAND HOTEL” è il progetto-installazione nato da un’idea di Elle Decor Italia magazine, allestito nelle sale di Palazzo Morando, a Milano.
Come dichiarato dalla direttrice della rivista, Livia Peraldo Matton: “L’idea di dar vita a ELLE DECOR GRAND HOTEL nasce dalla riflessione sull’evoluzione dell’hotellerie di cui è avvenuta una vera e propria trasformazione negli ultimi anni. Sono nati i boutique e design hotel, si sono andati diffondendo progetti dalla forte identità, non solo perfetti sotto il profilo dell’ospitalità, ma anche luoghi di esperienze.”
 
ELLE DECOR GRAND HOTEL offre ai visitatori un percorso da sperimentare in prima persona, attraversando gli ambienti riservati alla convivialità, alla lettura, al wellness e all’ospitalità, liberi di curiosare tra camere, salotti, giardini. É firmato da due progettisti d’eccezione anche nel campo dell’hotellerie: Piero Lissoni, autore del progetto degli spazi pubblici concepiti come quelli di un “Hôtel Particulier”, e Patricia Urquiola che ha disegnato gli ambienti più privati, le “Stanzas”.
 
“Ho concepito un albergo che non fosse un albergo, piuttosto un ostello aristocratico”, afferma l’architetto e designer milanese Piero Lissoni, “semplicemente cambiando l’estetica degli spazi e usando la cifra stilistica di architetti italiani a cavallo tra XVI e XVII secolo, periodo particolarmente luminoso e di rigorosissime proporzioni architettoniche. L’intero progetto lavora su contrasti evidenti, classicità con modernità e la modernità che dialoga con la storia”. Gli ambienti che ha disegnato sono arredati con pezzi di design contemporaneo, che entrano in relazione con facciate e interni di palazzi storici riprodotti con elaborazioni fotografiche a parete.
 
Mutina ha preso parte al progetto delle Stanzas dell’architetto e designer di origine spagnola Patricia Urquiola: “Ho pensato alla camera del Grand Hotel”, afferma , “evitando di interpretarla come ‘stanza campione’ seriale e ripetitiva, bensì immaginandomi un susseguirsi di stanze come momenti sparsi di un racconto. Da qui l’ambiguità del titolo: ‘Stanzas’, che riecheggia come un termine spagnolo, ma che invece corrisponde alle varie strofe di ‘Stanzas in Meditation’ (1929), raccolta di poesie di Gertrude Stein, che mi sono tornate in mente mentre prendeva forma l’idea del progetto. Così, l’allestimento si articola in una serie di frammenti che interpretano le molteplici forme di vivere, intimamente, lo spazio della camera di un Grand Hotel: la stanza per 1, per 2, per 3, 4, 5…”.
 
L’installazione resterà aperta al pubblico fino al 22 ottobre.

 

01

02

03

04

05

06

07

08

09

10

11